Sesso: M    Età: 64    Città: Riviera del Brenta   
Prov: Venezia    Reg: Veneto    Naz: Italia

Area personale

 
- Login
 

Contattami

 
Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

 
Chat  
 

Ultime visite

 
 

Juan Ramon Jimenez

 
Incontro di due mani in cerca di stelle, nella notte! Con che pressione immensa si sentono le purezze immortali! Dolci, quelle due dimenticano la loro ricerca senza sosta, e incontrano, un istante, nel loro circolo chiuso, quel che cercavano da sole. Rassegnazione d'amore, tanto infinita come l'impossibile!
 

TORNA (Costantinos Kavafis)

 
Torna sovente e prendimi, palpito amato, allora torna e prendimi, che si ridesta viva la memoria del corpo, e antiche brame trascorrono nel sangue, allora che le labbra ricordano e le carni , e nelle mani un senso tattile si riaccende. Torna sovente e prendimi,la notte, allora che le labbra ricordano, e le carni…
 

BACIAMI (Prevert)

 
In un quartier della ville Lumiere Dove fa sempre buio e manca l'aria E d'inverno come d'estate è sempre inverno Lei era sulle scale Lui accanto a lei e lei accanto a lui Faceva notte C'era un odore di zolfo Perché nel pomeriggio avevano ucciso le cimici E lei gli diceva È buio qui Manca l'aria E d'inverno come d'estate è sempre inverno Il sole del buon Dio non brilla da noi Ha fin troppo lavoro nei quartieri ricchi Stringimi tra le braccia Baciami Baciami a lungo Baciami Più tardi sarà troppo tardi La nostra vita è ora Qui si crepa di tutto Dal caldo e dal freddo Si gela si soffoca Manca l'aria Se tu smettessi di baciarmi Credo che morirei soffocata Hai quindici anni ne ho quindici anch'io In due ne abbiamo trenta A trent'anni non si è più ragazzi Abbiamo l'età per lavorare Avremo pure diritto di baciarci Più tardi sarà troppo tardi La nostra vita è ora Baciami!
 

INNO ALLA DONNA

 
Stupenda immacolata fortuna per te tutte le creature del regno si sono aperte e tu sei diventata la regina delle nostre ombre per te gli uomini hanno preso innumerevoli voli creato l’alveare del pensiero per te donna è sorto il mormorio dell’acqua unica grazia e tremi per i tuoi incantesimi che sono nelle tue mani e tu hai un sogno per ogni estate un figlio per ogni pianto un sospetto d’amore per ogni capello ora sei donna tutto un perdono e così come vi abita il pensiero divino fiorirà in segreto attorniato dalla tua grazia. (Alda Merini)
 
 

AMORE (Maupassant)

 
Amore è una breve parola, che però abbraccia tutte le altre, perché comprende il corpo, l'anima, la vita e tutto l'essere. Noi lo percepiamo così come avvertiamo il caldo del sangue, lo scopriamo come l'aria, lo portiamo in noi stessi come i nostri pensieri. Per noi null'altro esiste di più importante.
 

Fronte all'amore (Nelo Risi)

 
Fronte all'amore 
alla passione che ci investe
più delle volte il pensiero si fa muto
le parole continuano a prodursi
sciocche sublimi macinano a vuoto
...ti s'incollano addosso
grovigli operanti di una forza
insospettata d'urto.
 

HERMANN HESSE - Come pesano

 
Come pesano queste giornate! Non c'è fuoco che possa scaldare, non c'è sole che rida per me, solo il vuoto c'è, solo le cose gelide e spietate, e perfino le chiare stelle mi guardano sconsolate da quando ho saputo nel cuore che anche l'amore muore.
 

SQUAME (Massimo Pedroni)

 
Cercami avendo tra le mani Un'ampolla di nostalgia Cercami per placare il desiderio infinito. Cercami tra le inconfessabili orme Che fanno vello al tuo sguardo. Risucchiami tra le fauci di una possibilità. L'ampolla si è sfranta A piedi nudi volteggerai impazzita su quelle scegge. Scossi dai dubbi inciampammo Nei reticoli della vita Cercami.
 

CONTINUAZIONE

 
E se lei muore E tu ci scrivi qualcosa su Perché sei uno scrittore e uno stronzo Soffocando la pena per dormire la notte, Da solo o parlandone alle puttane Che hanno lo spirito ottuso Ma la f..a oh al posto giusto Tu le paghi ma a volte questo piace anche a loro Che toccano le tue ferite più avidamente di te, (Ernest Hemingway)
 

H. Hesse - Stanco d'amore

 
Nei rami s'addormenta cullando il vento stanco. La mia mano lascia un fiore rosso sangue morire lacerato sotto un sole rovente. Ho già visto fiorire e morire molti fiori; vengono e vanno gioie e dolori, e custodirli nessuno può. Anch'io ho sparso nella vita il mio sangue; non so però, se mi dispiace, so solo che sono stanco.