Foto di volod_ja
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 

Precisazioni

il materiale ivi contenuto è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Testi ed immagini sono proprietà intellettuali dell'Autore. Dove diversamente indicato, le immagini ed i testi sono di proprietà dei rispettivi Autori e liberamente aggiunti dalla rete. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattare il sottoscritto che in seguito provvederà a rimuovere il materiale in questione. Per quel che può valere, questo luogo non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità: non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001.
 

Maestro

La Casada Infiel

E io che me la portai al fiume credendo che fosse ragazza, invece aveva marito.
Fu la notte di San Giacomo e quasi per obbligo.
Si spensero i fanali e s’accesero i grilli.
Alle ultime svolte toccai i suoi seni addormentati,
e di colpo mi s’aprirono come rami di giacinti.
L’amido della sua gonnellina suonava alle mie orecchie
come un pezzo di seta lacerato da dieci coltelli.
Senza luce d’argento sulle cime sono cresciuti gli alberi
e un orizzonte di cani abbaia lontano dal fiume.
Passati i rovi, i giunchi e gli spini,
sotto il cespuglio dei suoi capelli feci una buca nella fanghiglia.
Io mi levai la cravatta.
Lei si tolse il vestito.
Io la cintura e la rivoltella.
Lei i suoi quattro corpetti.
Non hanno una pelle cosi fine le tuberose e le conchiglie
né i cristalli alla luna risplendono di tanta luce.
Le sue cosce mi sfuggivano come pesci sorpresi,
metà piene di brace, metà piene di freddo.
Corsi quella notte il migliore dei cammini
sopra una puledra di madreperla senza briglie e senza staffe.
Non voglio dire, da uomo, le cose che ella mi disse.
La luce dell’intendimento mi fa esser molto discreto.
Sporca di baci e di sabbia la portai via dal fiume.
Con la brezza si battevano le spade dei gigli.
Agii da quello che sono, da vero gitano.
Le regalai un grande cestino di raso paglierino,
e non volli innamorarmi perché avendo marito
mi disse che era ragazza quando la portai al fiume.

Federico Garcia Lorca
 
Sesso: M
Età: 107
Città: In una stilla d'eternità
Provincia: Stato Estero
Regione: Stato Estero
Nazione: Russia (Urss-Cccp)

Mi descrivo

Il Gagè ama i soldi, lavora sempre, sperando di diventare qualcosa e sperando così muore, poi a fatto le sue leggi, troppe leggi. Io dico: _la libertà è bella, vai dove vuoi! Tutta l’arte del vivere sta nel non servirci delle persone che ci fanno soffrire se non come un gradino che ci permette di accedere alla loro forma divina, e di popolare così gioiosamente la nostra vita di divinità. Signòn ni romi Lovara Kalè. Vladìmir
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

Il buio della rjat, le streghe, el rojo 
le noir, pensare e scrivere, la zambra 
amare la zuvlì, l'universo, il viola, el viento 
 

Tre cose che odio

inquisitori, intolleranti, le regole ed i recinti 
che mi si neghi l'apostrofo nel nick 
el bonanza, calme plat e le mon folie 
 

Dettagli

Lingue conosciute

non definito
non definito
non definito

I miei interessi

scrivere
teatro
viaggiare

Gli sport preferiti

alpinismo
equitazione
rafting
 

Gen. musicale

flamenco
etnica

Gen. cinematografico

cult movies

Letture preferite

classici
narrativa russa
 

Mi piace la cucina

tradizionale
francese

La vacanza OK

avventura

La vacanza KO

non definito
 

La meta dei miei sogni

Nepal
Atolli del Pacifico

Occupazione

non definito

Stato civile

libero/a
 

I miei pregi

non chiedo nulla
 

I miei difetti

non voglio nulla
 

Ultime visite

Cappello

Poiché non so mentire, non t’inganno:
sono nato zigano e ribelle.
Cominciando da me principale motivo
di insofferenza,
Prima di qualsivoglia adorazione, osservo.
Non mi so conformare.
Esco perciò, da tutti i paradisi,
prima di entrare.
Vladìmir Roberto
 

Libertà

Noi Zingari abbiamo una sola religione: la libertà.
 In cambio di questa rinunciamo alla ricchezza, al potere, alla scienza ed alla gloria.
 Viviamo ogni giorno come se fosse l'ultimo.
 Quando si muore si lascia tutto: un miserabile carrozzone come un grande impero.
 E noi crediamo che in quel momento sia molto meglio essere stati Zingari che re.
 Non pensiamo alla morte. Non la temiamo, ecco tutto. 
Il nostro segreto sta nel godere ogni giorno le piccole cose
che la vita ci offre e che gli altri uomini non sanno apprezzare:
 una mattina di sole, un bagno nella sorgente, 
lo sguardo di qualcuno che ci ama.
 E' difficile capire queste cose, lo so. Zingari si nasce.
 Ci piace camminare sotto le stelle.
 Si raccontano strane cose sugli Zingari. 
Si dice che leggono l'avvenire nelle stelle 
e che possiedono il filtro dell'amore.
 La gente non crede alle cose che non sa spiegarsi. 
Noi invece non cerchiamo di spiegarci le cose in cui crediamo. 
La nostra è una vita semplice, primitiva.
 Ci basta avere per tetto il cielo,
 un fuoco per scaldarci
 e le nostre canzoni, quando siamo tristi.

Spatzo (Vittorio Myer Pasquale)

 

Scrivo e vivo

Dicono: scrivere non è per tutti,
non sei credibile, zingaro non scrivere!
Davanti alle lettere, la tua genìa è illecita,
non avvicinarti ai fogli!
L’inchiostro della poesia per te è veleno
sta attento, non bere!
Ed eccomi, ho scritto tanto,
ho acceso in ogni stella un grande incendio.
Dio non è mai stato furente con me,
nessun profeta si è offeso
dicono: il discorso è privilegio dei ricchi,
allora è inutile che tu parli!
Le belle donne sono cosa a te preclusa,
non corteggiarle e non innamorarti!
Ed eccomi, ho corteggiato, mi sono innamorato,
ho nuotato tanto,
ho lottato contro tutti i mari, e non sono annegato.
Sono un puledro vagabondo, che scrive
coi suoi zoccoli l’inno della libertà,
sono il pugnale del mare azzurro,
che non riposerà mai finché non avrà ucciso la leggenda.
Vladìmir Roberto
 

Riflessioni

Intorno a me tutti declamano
il loro monologo che dura una vita,
come l’acqua, la sabbia, la luce,
il vento, lo sguardo, l’amore, il dolore
le voci mi attraversano
nel ricordo si fondono in una voce sola,
parla la lingua che genera il racconto su tutti.
Quella voce parla la lingua che tutti parlano
la lingua che nessuno conosce.
Vladìmir Roberto