Foto di sinesire
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 

Contatore



 
magari domani....
 
In questo “mare oceano”,
in questo infinito nascente,
o nel finito senza fine,
tra le macine degli eventi
da qui alla stella più lontana,
attimo per attimo,
tra sogno e realtà,
tra il fare e il disfare,
sui passi dei nostri passi,
siamo esuli disseminati
in cerca di ritorno,
attimi in cerca dell’eternità.
 
con l'ovest di fronte
 

Per far della sera mattino


Mentre arriva la sera, il sole ha premura di andare ....

E lo vedi affrettare il passo oltre il monte o al di là dell'orizzonte.

Tanta Altra_Gente aspetta di vivere speranze.

Aspetta di partire .   

Egli è il sole di tutti . 

 

 
Quando vivi pena, alza lo guardo al Cielo, se non nel sole
 (chè chi puo fissarlo ?!),
o alle stelle, chè puoi vederle o ... pensarle.
Perfino il respirare
diviene più lieve. 
 
a passi
di
sandali


 
Sesso: M
Età: 68
Città: Città
Provincia: Stato Estero
Regione: Stato Estero
Nazione: Italia

Mi descrivo

serenamente sposato; il profilo ... solo per esprime il pensiero __
 

Spazio amici

Vieni a fare parte del mio spazio amici!
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

piacere (verbo) 
Battiti: C'è un primo e c'e un ultimo 
in mezzo c'è sempre un'opportunità 
 

Tre cose che odio

Odiare . ... mi riesce sempre male. 
 
 
 

Dettagli

Stato civile

coniugato/a
 

Ultime visite

Un ragazzetto pasce girini tra la ghiaia di un ruscello, / Consueto, un uomo posa il fardello / e gli si accovaccia d'accanto. E già d'intorno il rosso si fa sera / ... e prosegue l'incanto.

 
Turquoise.pebble.700pix.jpg
 
dammi occhi che vedono il meglio nelle persone, un cuore che perdona il peggio, una mente che dimentica il male, e l'anima che non perde mai la fede. 
     ( dua dal Corano )

 
Il giorno ha passo grave
ed Espero spira fresco.
Queste braci che furono fuoco
non saranno cenere,
queste braccia che furono ardore,
saranno ali.


 
 
Arcangelo Gabriele
 
Arare
il mare
in solchi
e seminarci
speranze

 


 

l'ingnorante (io) che legge ...

<< Nessuno puo farti
 più male
     di quel che gli permetti 
     d i farti>>
(Pino Aprile, "Terroni", Piemme,
 pag. 301, ed. 2010)