review

 Sesso: M    Età: 116    Città: Milano    Prov: Milano    Reg: Lombardia    Naz: Italia
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 

LA SEDUZIONE

 

La volgarità del linguaggio non appartiene alla  seduzione. Per affascinare, per sedurre, per farsi desiderare, ci si veste in modo curato, il modo di parlare deve esprimere gentilezza, deve dimostrarsi suasivo e piacevole. La donna si affida a un tipo di abbigliamento e di trucco in grado di valorizzare al massimo la propria corporeità. La seduzione esclude qualunque forma di esibizionismo, di ostentazione, di provocazione. Nasce dal senso innato di un giusto riserbo, da una barriera che l’uomo e la donna  faranno in modo di invitarsi ad  infrangere, reciprocamente, ma solo con la massima discrezione possibile. Soprattutto la seduzione non può avere come obiettivo primario la promessa di una consumazione sessuale, ma si rivolge, coinvolgendola lentamente, alla persona nella sua totalità. La donna desidera essere ammirata per la sua bellezza, ma anche per il suo modo di vestirsi e di truccarsi, così come per i suoi gusti e per  la sua sensibilità. L’uomo-seduttore ha la capacità di trovare qualcosa di straordinario in ogni donna che susciti il proprio interesse e, quando si rivolge a quella che egli vorrebbe diventasse sua, non manca di farlo capire alla donna, con la dovuta discrezione e con le parole più adatte, facendo in modo che lei si senta come avvolta dal suo desiderio, dalla sua ammirazione, dalla sua passione. Vibrante, dolcissimo, delicato.

 

 



 

  

                            PLAY

 
 

                      Play
 

Se tu midimenticassi

Voglio che tu sappia una cosa.
Tu sai com'è questa cosa:
se guardo la luna di Cristallo, il ramo rosso del lento autunno alla mia finestra,
se tocco vicino al fuoco l'impalpabile cenere o il rugoso corpo della legna
tutto mi conduce a te, come se ciò che esiste, aromi, luce,
metalli, fossero piccole navi che vanno verso le tue isole che m'attendono.
Orbene, se a poco a poco cessi d'amarmi
cesserò d'amarti a poco a poco.
Se d'improvviso mi dimentichi, non cercarmi, che già ti avrò dimenticata.
Se consideri lungo e pazzo il vento di bandiere che passa per la mia vita e
ti decidi a lasciarmi sulla riva del cuore in cui ho le radici, pensa
che in quel giorno, in quell'ora
leverò in alto le braccia e le mie radici usciranno a cercare altra terra.
Ma se ogni giorno, ogni sera senti che a me sei destinata con dolcezza implacabile
se ogni giorno sale alle tue labbra un fiore a cercarmi
ahi, amore mio, ahi mia, in me tutto quel fuoco si ripete,
in me nulla si spegne né dimentica
il mio amore si nutre del tuo amore, amata, e finché tu vivrai starà
tra le tue braccia senza uscire dalle mie.

Pablo Neruda

 

Mi descrivo

Sono romantico e passionale, ma senza esagerazione. Vorrei essere capace di vedere il mondo in un granello di sabbia ,e il cielo in un fiore selvatico.Vorrei poter tenere l'infinito nel cavo della mia mano, e poter vivere in un solo attimo tutta l'eternità.Vorrei, ma, purtroppo, non ne sono capace. “…Non sono niente. Non sarò mai niente. Non posso volere d'essere niente. A parte questo, ho in me tutti i sogni del mondo... [Alvaro de Campos alias Fernando Pessoa] ”
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

I dolci 
I viaggi 
Le amicizie vere 
 

Tre cose che odio

L'arroganza 
L'ipocrisia 
La violenza 
 

Dettagli

Lingue conosciute

Francese
Spagnolo
Inglese

I miei interessi

computer
cucina
arte

Gli sport preferiti

equitazione
pallavolo
trekking
 

Gen. musicale

blues
rock

Gen. cinematografico

documentario
azione e avventura

Letture preferite

narrativa sudamericana
saggistica
 

Mi piace la cucina

regionale italiana in generale
innovativa

La vacanza OK

agriturismo

La vacanza KO

tour organizzato
 

La meta dei miei sogni

Australia e Nuova Zelanda
Canada

Occupazione

professionista

Stato civile

coniugato/a con figli
 

Il mio film preferito

Il vento e il leone (1975) un film di John Milius con Sean Connery, Brian Keith, Candice Bergen.
 

Il mio libro preferito

"Cent'anni di solitudine" di G. G.Marquez
 

I miei pregi

Sincero, affettuoso, disponibile al confronto, comprensivo, alieno da qualunque forma di compromesso, puntuale, mantengo la parola data, preciso, ordinato, sempre presente in famiglia.
 

I miei difetti

Testardo, impulsivo e sincero.
 
 

PHOTO


 

Ultime visite

                     SOTTOFONDO

 

Contatore



 

 MYVIDEOJUKEBOX
Pagine di Jazz Play
CantaNapoliPlayATUTTAM USICAPlay
DailyMotion Play

 
 

AH! VASTITÀ DI PINI...

Ah vastità di pini, rumore d'onde che si frangono,
lento gioco di luci, campana solitaria,
crepuscolo che cade nei tuoi occhi, bambola
chiocciola terrestre, in te la terra canta!

In te i fiumi cantano e in essi l'anima mia fugge
come tu desideri e verso dove tu vorrai.
Segnami la mia strada nel tuo arco di speranze
e lancerò in delirio il mio stormo di frecce.

Intorno a me sto osservando la tua cintura di nebbia
e il tuo silenzio incalza le mie ore inseguite,
e sei tu ton le tue braccia di pietra trasparente
dove i miei baci si ancorano e la mia umida ansia s'annida.

Ah la tua voce misteriosa che l'amore tinge e piega
nel crepuscolo risonante e morente!
Così in ore profonde sopra i campi ho visto
piegarsi le spighe sulla bocca del vento.
Pablo Neruda