okkiodellanotte

 Sesso: M    Età: 67    Città: Avellino    Prov: Avellino    Reg: Campania    Naz: Italia
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 
La vita è fatta di rarissimi momenti di grande intensità e di innumerevoli intervalli. La maggior parte degli uomini però, non conoscendo i momenti magici, finisce col vivere solo gli intervalli.
 


Pianefforte 'e notte
Nu pianefforte 'e notte
sona luntanamente,
e 'a museca se sente
pe ll'aria suspirà.

È ll'una: dorme 'o vico
ncopp' a nonna nonna
'e nu mutivo antico
'e tanto tiempo fa.

Dio, quanta stelle 'n cielo!
Che luna! e c'aria doce!
Quanto na della voce
vurria sentì cantà!
Ma sulitario e lento
more 'o mutivo antico;
se fa cchiù cupo 'o vico
dint'a ll'oscurità..

Ll'anema mia surtanto
rummane a sta fenesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannese, a pensà.

 

Mi descrivo

sono gli altri che mi descrivono in bene o in male!!
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

L'alba 
un sorriso di un bambino 
una giornata di primavera 
 

Tre cose che odio

ipocrisia 
falsità 
superbia 
 

Dettagli

Lingue conosciute

Inglese

I miei interessi

fotografia
viaggiare
moto

Gli sport preferiti

ciclismo
motociclismo
rugby
 

Gen. musicale

jazz
blues

Gen. cinematografico

azione e avventura
gialli

Letture preferite

thriller
saghe medievali
 

Mi piace la cucina

giapponese
tradizionale

La vacanza OK

avventura

La vacanza KO

crociera
 

La meta dei miei sogni

Stati Uniti
Australia e Nuova Zelanda

Occupazione

non definito

Stato civile

coniugato/a
 

Il mio film preferito

vacanze romane
 

Il mio libro preferito

il re del mare
 

I miei pregi

lascio giudicare agli altri
 

I miei difetti

tanti
 
 

PHOTO


 

Ultime visite

Io vulesse truvà pace,
ma na pace senza morte,
una mmiez’à tanta porte
s’arapesse pe campà.

S’arapesse na matina,
na matin’e primmavera
e arrivasse fin’a sera
senza dì …nzerrate là.

Senza sentere cchiù a ggente
ca te dice…io faccio, io dico…
senza sentere l’amico
c’a te vene a cunziglià.

Senza senter’ a famiglia
ca te dice…ma ch’è fatto ?
senza scennere cchiù a patto
c’a cuscienza e a dignità.

Senza leggere ‘o giurnale
c’a nutizia impressionante,
ch’è nu guaio pe tutte quante
ma nun tiene che ce fa.

Senza sentere ‘o duttore
ca te spiega a malatia…
‘a ricetta in farmacia…
l’onorario ch’e à pavà.

Senza sentere stu core
ca te parla ‘e Cuncettina,
Rita, Brigida, Nannina…
chesta si…chell’ata no.

Pecchè, insomma si vuò pace e
nun sentere cchiù niente,
‘e a sperà ca sulamente
ven’a morte a te piglià ?

Io vulesse truvà pace,
ma na pace senza morte,
una mmiez’à tanta porte
s’arapesse pe campà.

S’arapesse na matina,
na matin’e primmavera
e arrivasse fin’a sera
senza dì …nzerrate là.

Eduardo