Foto di napokapo_2009
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 

Per te

La prima volta che ho incrociato il tuo sguardo ho visto la luce del giorno e ho capito che il buio della notte che accompagnava la mia vita apparteneva al passato.
 

PER MIO PADRE...

Grazie per tutto ciò che mi hai dato e che continuerai a darmi...anche se non ci sei più...AUGURI, PAPA'... Ti voglio un bene immenso!
 

gargoyle

Forte come la morte è l'amore, tenace come gli inferi e la passione."  La morte separa l'anima dal corpo. Ma l'amore separa ogni cosa dall'anima.    Meister eckhart
 

Aristotele

Il millantatore è colui il quale fa mostra di titoli di merito che non possiede, esagerando il suo controllo del mondo di cui in realtà è privo. (Aristotele)
 

Alda Merini

Pensiero,io non ho più parole.
Ma cosa sei tu in sostanza?
qualcosa che lacrima a volte,
e a volte dà luce.
Pensiero,dove hai le radici?
Nella mia anima folle
o nel mio grembo distrutto?
Sei così ardito vorace,
consumi ogni distanza;
dimmi che io mi ritorca
come ha già fatto Orfeo
guardando la sua Euridice,
e così possa perderti
nell'antro della follia.

Alda Merini, da "La terra santa"

 

OVIDIO

Molti ti saranno amici finchè sarai felice, ma quando verrà il brutto tempo, resterai solo. 

 

ARS AMATORIA (OVIDIO)

"Quando hai trovato i punti dove la donna gode ad essere toccata,

non sia il pudore ad impedirti di toccarli

…… verranno poi i lamenti, verranno i mugolii di gioia,

 i dolci gemiti e le parole adatte agli scherzi d’amore…

Tu non lasciare indietro la tua donna spiegando vele più ampie,

né ti preceda lei nella corsa.

Dovete correre insieme alla meta.

Solo allora il piacere è completo:

quando l’uomo e la donna s’abbandonano vinti nello stesso istante".

 
 

Cammino

Non avere paura del mio silenzio Non ti voglio mai rinchiudere In una gabbia di parole Ma incontrarti ogni volta come per caso E fare un po' di strada insieme Per condividere un sorso di vita Con chi ha la borraccia più piena E magari sederci sotto un albero Ai bordi di quella che chiamano realtà Sul nostro cammino verso l'Infinito. (Nicholas Bawtree)
 
Sesso: M
Età: 58
Città: Caserta
Provincia: Caserta
Regione: Campania
Nazione: Italia

Mi descrivo

Semplicemente... Io. Con pregi e difetti..
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

Mare 
Cucinare 
La buona compagnia 
 

Tre cose che odio

Ipocrisia 
Superficialità 
Egoismo e falsità 
 

Dettagli

I miei interessi

fotografia
bricolage
canto

Gli sport preferiti

basket
calcio_e_calcetto
rugby

Gen. musicale

pop
gospel
 

Gen. cinematografico

gialli
documentario

Letture preferite

avventura
thriller

Mi piace la cucina

alta cucina
regionale italiana in generale
 

La vacanza OK

mare, sole e spiagge incontaminate!

La vacanza KO

tour organizzato

La meta dei miei sogni

Russia
Stati Uniti
 

Stato civile

non definito
 

Il mio film preferito

le ali della libertà(Darabont)
 

Il mio libro preferito

l'uomo che ride (HUGO)
 

I miei pregi

(Tanti)
 

I miei difetti

Tanti
 
 
 

Poesia....Qui Ti Amo.

QUI TI AMO
Qui ti amo. Negli oscuri pini si districa il vento. Brilla la luna sulle acque erranti. Trascorrono giorni uguali che s'inseguono. La nebbia si scioglie in figure danzanti. Un gabbiano d'argento si stacca dal tramonto. A volte una vela. Alte, alte stelle. O la croce nera di una nave. Solo. A volte albeggio, ed è umida persino la mia anima. Suona, risuona il mare lontano. Questo è un porto. Qui ti amo. Qui ti amo e invano l'orizzonte ti nasconde. Ti sto amando anche tra queste fredde cose. A volte i miei baci vanno su quelle navi gravi, che corrono per il mare verso dove non giungono. Mi vedo già dimenticato come queste vecchie àncore. I moli sono più tristi quando attracca la sera. La mia vita s'affatica invano affamata. Amo ciò che non ho. Tu sei cosi distante. La mia noia combatte con i lenti crepuscoli. Ma la notte giunge e incomincia a cantarmi. La luna fa girare la sua pellicola di sogno. Le stelle più grandi mi guardano con i tuoi occhi. E poiché io ti amo, i pini nel vento vogliono cantare il tuo nome con le loro foglie di filo metallico.
(Pablo Neruda)