messaggeria.normale

Sesso: F - Età: 51
Città: Lontana dall italia - Provincia: Stato Estero
Regione: Stato Estero - Nazione:
 

Mi descrivo

Giorno dopo giorno, fattucchiera di merletti ricamava la luce,filava la nebbia. Ogni tanto alzava lo sguardo del suo libro, vaghe storie sapute a memoria,e a memoria dimenticate. Chinava un po’ la testa,socchiudeva gli occhi...e la luce, oppur la nebbia,innocente sorella della magia rubavano il suo sguardo alla tristezza...ogni tanto... Poi tornava al suo libro,alla tristezza a cucire e ricucire la sua vita che inevitabilmente scucivano le lacrime.
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

coccodrilli civette ghiri insonni 
sorridere con la nuova dentiera 
l' ironia ,sempre... 
 

Tre cose che odio

l'ascensore nel piano 9 quando arrivo a casa 
a volte io, spesso io,non sempre io 
le doppie nella lingua italiana 
 

Dettagli

Lingue conosciute

Spagnolo
Inglese
Francese

I miei interessi

viaggiare
arte
leggere

La vacanza OK

città d'arte
 

La vacanza KO

Occupazione

impiegato/a

Stato civile

nubile/celibe
 

Il mio film preferito

Le train de la vie di Radu Mihaileanu Everything is illuminated di Liev Schreiber
 

Il mio libro preferito

Ne ho avuti tanti nella mia vita...Forse oggi non li sceglierei...Ma li guardo con nostalgia come alle mie vecchie foto...
 

I miei pregi

so ascoltare...
 

I miei difetti

pigrizia più 18337 virgola 26 che non nominerò... Viaggiare e scoprirmi un po' in ogni nuovo posto Leggere e scoprirmi un po' in ogni nuova pagina Dormire e nascondermi e scoprirmi in ogni sogno,un po'...
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 
Lei gioca.
Non sempre quando lei dice "io"
parla di sé.
Spesso si.
A volte no.
Non sempre quando lei scrive "lei"
racconta un'altra.
A volte si.
Spesso no.
Lei gioca.
Gioca seriamente.
Come giocano i bimbi.
Lei è Giulietta.
È Romeo.
Lei è il pugnale ed il veleno.
Lei si bagna i piedi in mari che non esistono,
intreccia le sue dita nei tuoi capelli,
ti spoglia l'anima se capita.
Inventa baci e te li dona.
Lei ti vuole bene, ti trascura,
ti accarezza, ti trattiene,
a volte ti delizia,
ti tedia, ti sorprende.
Si maschera di ironia
ed è mascherata che si svela.
Lei ti culla e ti risveglia
e si lascia cullare da se stessa.
Lei gioca. Non perde mai.
Perché gioca giochi dove non si vince.
Apparecchia briciole di lei
su un tavolo d'aria,
pezzettini di sé che sgrana sullo schermo,
sulla carta.
Tu li raccogli ...
inumidisci un dito, lo posi lievemente
sul granello di lei che più ti piace
e te lo porti in bocca senza nemmeno pensare cosa hai fatto.
Assaggi per un po'... poi te ne vai ...
Lei gioca.
Mescola io e te e noi e loro.
Mescola tempi e posti
e confonde le parole. Le spettina.
Lei gioca.
Un po' a carte e abbastanza a nascondino
e non sa giocare a scacchi, ma fa finta.
Lei gioca. E non perde mai.
Ma non è detto che giocare basti,
neanche se si gioca seriamente, come gioca lei ...