ironwoman63

Sesso: F - Età: 56
Città: Milano - Provincia: Milano
Regione: Lombardia - Nazione: Italia

 
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 

Mi descrivo

cogito .. ergo sum !!!! come don chisciotte amo i miei ideali....
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

pensare, conoscere, agire 
leggere scrivere parlare 
le persone capaci di ragionare 
 

Tre cose che odio

la schiavitu' dei popoli 
chi non riconosce il valore delle persone 
la vigliaccheria di certi politici 
 

Dettagli

Lingue conosciute

Inglese
non definito
non definito

I miei interessi

musica(suonare)
arte
leggere

Gli sport preferiti

trekking
pesca
equitazione
 

Gen. musicale

blues
jazz

Gen. cinematografico

commedia all'italiana
neroealismo italiano

Letture preferite

saggistica
narrativa russa
 

Mi piace la cucina

tradizionale
cucina etnica in generale

La vacanza OK

trekking

La vacanza KO

autostop
 

La meta dei miei sogni

Islanda
Medio Oriente

Occupazione

professionista

Stato civile

libero/a con figli
 

Il mio film preferito

il marchese del grillo / amici miei /miracolo a Milano
 

Il mio libro preferito

il maestro e margherita / guardiani dell'apocalisse
 

I miei pregi

SONO COMUNISTA
 

I miei difetti

TROPPO SINCERA
 
 

gli ignavi

« E io ch'avea d'error la testa cinta, dissi: "Maestro, che è quel ch'i' odo? e che gent'è che par nel duol sì vinta?". Ed elli a me: "Questo misero modo tegnon l'anime triste di coloro che visser sanza 'nfamia e sanza lodo. Mischiate sono a quel cattivo coro de li angeli che non furon ribelli né fur fedeli a Dio, ma per sé fuoro. Caccianli i ciel per non esser men belli, né lo profondo inferno li riceve, ch'alcuna gloria i rei avrebber d'elli". E io: "Maestro, che è tanto greve a lor che lamentar li fa sì forte?". Rispuose: "Dicerolti molto breve. Questi non hanno speranza di morte, e la lor cieca vita è tanto bassa, che 'nvidïosi son d'ogne altra sorte. Fama di loro il mondo esser non lassa; misericordia e giustizia li sdegna: non ragioniam di lor, ma guarda e passa". » (Dante Alighieri, Inferno III, 31-51)