franciluna76

 Sesso: F    Età: 43    Città: Siena    Prov: Siena    Reg: Toscana    Naz: Italia
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 

Guardare

Guardare troppo lontano è un errore. Se uno guarda lontano, non vede quello che ha davanti ai piedi, e finisce per inciampare. Ma anche concentrarsi troppo sui piccoli dettagli che si hanno sotto il naso non va bene. Se non si guarda un po’ oltre, si va a sbattere contro qualcosa. Perciò è meglio sbrigare le proprie faccende guardando davanti a sé quanto basta, e seguendo l’ordine stabilito passo dopo passo. Questo, in tutte le cose, è il punto fondamentale.
Haruki Murakami
, ”Kafka sulla Spiaggia”

 

Non aspettare

Non aspettare di finire l’università,di innamorarti,di trovare lavoro,di sposarti,di avere figli,di vederli sistemati,di perdere quei dieci chili,che arrivi il venerdì sera o la domenica mattina,la primavera,l’estate,l’autunno o l’inverno. Non c’è momento migliore di questo per essere felice.La felicità è un percorso, non una destinazione. Lavora come se non avessi bisogno di denaro,ama come se non ti avessero mai ferito e balla, come se non ti vedesse nessuno. Ricordati che la pelle avvizzisce,i capelli diventano bianchi e i giorni diventano anni.Ma l’importante non cambia: la tua forza e la tua convinzione non hanno età. Il tuo spirito è il piumino che tira via qualsiasi ragnatela.Dietro ogni traguardo c’è una nuova partenza. Dietro ogni risultato c’è un’altra sfida.Finché sei vivo, sentiti vivo.
Vai avanti, anche quando tutti si aspettano che lasci perdere.
(Madre Teresa di Calcutta)

 

Contatore



 

Mi descrivo

E secondo te perché mi stimo così poco? – chiesi. – Perché vivi solo a metà – rispose lei come se fosse niente. – L'altra metà è ancora intatta da qualche altra parte. H. Murakami " Sotto il segno della pecora"
 

Spazio amici

Vieni a fare parte del mio spazio amici!
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

le affinità elettive 
l'odore dei libri 
le magie 
 

Tre cose che odio

la superbia, chi pieno di sè calpesta gli altri 
la maleducazione e l'ignoranza 
chi, arrogante, alza la voce 
 

Dettagli

Lingue conosciute

Francese
Inglese
Tedesco

I miei interessi

leggere
musica(ascoltare)
scrivere

Gli sport preferiti

body_building
 

Gen. musicale

punk
metal

Gen. cinematografico

fantasy

Letture preferite

narrativa
non definito
 

Mi piace la cucina

vegetariana
cinese

La vacanza OK

città d'arte

La vacanza KO

villaggio turistico
 

La meta dei miei sogni

Spagna e Portogallo
Estremo Oriente

Occupazione

impiegato/a

Stato civile

convivente con figli
 

Il mio film preferito

Saturno contro di F. Özpetek
 

Il mio libro preferito

1Q84 di Haruki Murakami
 

I miei pregi

...in un vortice di polvere gli altri vedevano siccità, a me ricordava la gonna di Jenny in un ballo di tanti anni fa...
 

I miei difetti

insicura, non coerente. contraddittoria. indecisa. CERVELLOTICA.
 
 

PHOTO


 

Ultime visite

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Quando

Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c'è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi era entrato. H. Murakami
 

Mi piace

Mi piace sviluppare la mia coscienza per capire perché sono vivo, cos'è il mio corpo e cosa devo fare per cooperare con i disegni dell'universo. Non mi piace la gente che accumula informazioni inutili e si crea false forme di condotta, plagiata da personalità importanti. Mi piace rispettare gli altri, non per via delle deviazioni narcisistiche della loro personalità, ma per come si sono evolute interiormente. Non mi piace la gente la cui mente non sa riposare in silenzio, il cui cuore critica gli altri senza sosta, la cui sessualità vive insoddisfatta, il cui corpo s'intossica senza saper apprezzare di essere vivo. Ogni secondo di vita è un regalo sublime. Mi piace invecchiare perché il tempo dissolve il superfluo e conserva l'essenziale. Non mi piace la gente che per retaggi infantili trasforma le bugie in superstizioni. Non mi piace che ci sia un papa che predica senza condividere la sua anima con una "papessa". Non mi piace che la religione sia nelle mani di uomini che disprezzano le donne. Mi piace collaborare e non competere. Mi piace scoprire in ogni essere quella gioia eterna che potremmo chiamare Dio interiore. Non mi piace l'arte che serve solo a celebrare il suo esecutore. Mi piace l'arte che serve per guarire. Non mi piacciono le persone troppo stupide. Mi piace tutto ciò che provoca il riso. Mi piace affrontare, volontariamente, la mia sofferenza, con l'obiettivo di espandere la mia coscienza.  Alejandro Jodorowsky.

 

Bisogna aspettare

"Bisogna aspettare, aspettare con calma il momento giusto. Osservare che piega prendono le cose, senza cercare di intervenire a tutti i costi. Sforzarsi di guardare la situazione in modo imparziale. Facendo così, si capisce naturalmente cosa è giusto fare" H. Murakami

 

 

Chi tende verso ‘verso l’alto’ deve aspettarsi prima o poi di essere colto dalla vertigine. Che cos’è la vertigine? Paura di cadere? Ma allora perchè ci prende la vertigine anche su un belvedere fornito di una sicura ringhiera? La vertigine è qualcosa di diverso dalla paura di cadere. La vertigine è la voce del vuoto sotto di noi che ci attira, che ci alletta, è il desiderio di cadere, dal quale ci difendiamo con paura. da l'insostenibile leggerezza dell'essere di milan kundera

 
Ma cosa devo fare allora?" "Danzare" rispose "continuare a danzare, finché ci sarà musica. Capisci quello che ti sto dicendo? devi danzare. Danzare senza mai fermarti. Non devi chiederti perché. Non devi pensare a cosa significa. Il significato non importa, non c'entra. Se ti metti a pensare a queste cose, i tuoi piedi si bloccheranno. E una volta che saranno bloccati, io non potrò più fare niente per te. Tutti i tuoi collegamenti si interromperanno. Finiranno per sempre. E tu potrai vivere solo in questo mondo. Ne sarai progressivamente risucchiato. Perciò i tuoi piedi non dovranno mai fermarsi. Anche se quello che fai può sembrarti stupido, non pensarci. Un passo dopo l'altro, continua a danzare. E tutto ciò che era irrigidito e bloccato piano piano comincerà a sciogliersi. Per certe cose non è ancora troppo tardi. I mezzi che hai, usali tutti. Fai del tuo meglio. Non devi avere paura di nulla. Adesso sei stanco. Stanco e spaventato. Capita a tutti. Ti sembra sbagliato. Per questo i tuoi piedi si bloccano". Alzai gli occhi e guardai la sua ombra sul muro.