Area personale

- Login
 
 
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 
 
 

Mi trovi anche...

Chat  
 
 
 
 
 
.....E poi, e poi, quel vizio che ti uccidera'
Non sara' fumare o bere, ma il qualcosa che ti porti dentro,
Cioe' vivere, vivere, vivere.....
    
 
 
 

Dolly del mare profondo, figlia di minatori,
si leva le scarpe e cammina sull'erba
insieme al figlio del figlio dei fiori.
E fanno la solita strada fino al cadavere del grillo,
la luna impaurita li guarda passare
e le stelle sono punte di spillo.
E mentre le lancette camminano
i due si dividono il fungo e intanto mangiando
ingannano il tempo ma non dovranno ingannarlo a lungo.
Infatti arriva Babbo Natale,
carico di ferro e carbone,
il figlio del figlio dei fiori lo uccide
con un coltello e con un bastone.
E Dolly gli pulisce le mani con una fetta di pane,
le nuvole passano dietro la luna
e da lontano sta abbaiando un cane.
E la neve comincia a cadere,
la neve che cadeva sul prato
e in pochi minuti si sparse la voce
che Babbo Natale era stato ammazzato.
Così Dolly del mare profondo
e il figlio del figlio dei fiori si danno la mano
e ritornano a casa, tornano a casa dai genitori.

L'uccisione di babbo natale. De Gregori

 
 
 

Italia d'oro

Racconteranno che adesso è più facile
che la giustizia si rafforzerà
che la ragione è servire il più forte
e un calcio in culo all'umanità
Ditemi ora se tutto è mutevole
se il criminale fu chi assassinò
poi l'interesse così prepotente che conta solo chi più sterminò
Romba il potere che detta le regole
cade la voce della libertà
mentre sui conti dei lupi economici
non resta il sangue di chi pagherà
Italia d'oro frutto del lavoro cinta dall'alloro
trovati una scusa tu se lo puoi
Italia nera sotto la bandiera vecchia vivandiera te ne sbatti di noi
mangiati quel che vuoi fin quando lo potrai
tanto non paghi mai
Tutto si perde in un suono di missili
mentre altri spari risuonano già
sopra alle strade viaggiate dai deboli
la nostra guerra non si spegnerà
E torneranno a parlarci di lacrime dei risultati della povertà
delle tangenti e dei boss tutti liberi
di un'altra bomba scoppiata in città
Spero soltanto di stare tra gli uomini
che l'ignoranza non la spunterà
che smetteremo di essere complici
che cambieremo chi deciderà
Italia d'oro frutto del lavoro cinta dall'alloro
trovati una scusa tu se lo puoi
Italia nera sotto la bandiera vecchia vivandiera te ne sbatti di noi
mangiati quel che vuoi fin quando lo potrai
tanto non paghi mai
Fratelli d'Italia, l'Italia s'è desta
dell'elmo di Scipio s'è cinta la testa
 
 
 
Foto di eilat7
 

eilat7


Sesso: M
Età: 55
Città: Munchen-Corciano-Roma
Provincia: Perugia
Regione: Umbria
Nazione: Italia
 
 
 

Costituzione italiana

Art. 3

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza

distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di

condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale,

che, limitando di fatto la libertà e la uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno

sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori

all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese

 
 
 

Bene, ho preso questa chitarra
E ho imparato a farla parlare
La mia macchina è là dietro
Se sei pronta ad iniziare questo lungo viaggio
Dalla tua veranda al mio sedile anteriore
La portiera è aperta ma la corsa non è gratis
E so che ti senti malinconica
Per le parole che non ti ho detto
Ma stanotte saremo liberi
Tutte le promesse saranno rotte
C'erano spettri negli occhi di tutti i ragazzi che hai lasciato
Adesso tormentano questa polverosa strada di costiera
Nelle carcasse bruciate di vecchie Chevrolet

 
 
 

 "Il medico vede l'uomo in tutta la sua debolezza; " il giurista lo vede tutta la sua cattiveria; il teologo in tutta la sua sciocchezza".                                                                       

        Arthur Schopenhauer 

 

 
 
 

Talvolta si vorrebbe essere cannibali, non tanto per il piacere di divorare il tale o il tal'altro, quanto per quello di vomitarlo.

Emil Cioran

 
 
 

vogliamo sapere come è morto Aldo Bianzino!

http://veritaperaldo.noblogs.org/

 
 
 

Contatore



 
 
 

Mi descrivo

amo Roma,Monaco di Baviera.la residenzstube spatenhaus on opera. la weiss biere,il grechetto umbro,l'tocorlo col vin santo.Perugia,la torta col pregiutto,l'cianco n'umdo.la bruschetta col barbozzo.la ROMA nel cuore.Springsteen.Soozie Tyrrel. la frittata n'chi sparnece .I dubbi dell'amore."è quel che è"di H.Fried.Le storie che m'arcontava l'mi nonno n'tol cantone.trapped.clarence clemons.Heirich Boll"e non disse nemmeno una parola".una cena da ratskeller.Cyndi Lauper. non sopporto l'omofobia.
 
 
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

arrampicare,pattinare,il Vettore.'l pillotto 
mare,la tramontana,il sole,medioriente,la murigge 
il rumore del silenzio,eilat,missing,E. Cioran 
 

Tre cose che odio

ipocriti,falsi,cretini,lo scirocco,le fave. 
confusione,i pedofili,l'indulto,l'oio da 2€ 
i regali impegnativi,la soggezzzione,le religioni 
 
 
 

Dettagli

Lingue conosciute

Spagnolo

I miei interessi

cucina
musica(ascoltare)
trekking

Gli sport preferiti

alpinismo
climbing
pattinaggio_sul_ghiaccio
 

Gen. musicale

blues
rock

Gen. cinematografico

neroealismo italiano
erotico

Letture preferite

psicologia e sociologia
biografici
 

Mi piace la cucina

regionale italiana in generale
tradizionale

La vacanza OK

trekking

La vacanza KO

pellegrinaggio
 

La meta dei miei sogni

Irlanda e Scozia
Canada

Occupazione

imprenditore

Stato civile

convivente con figli
 

Il mio film preferito

a beautiful mind,the cars.I ponti di Madison County
 

Il mio libro preferito

elogio della fuga, zichicche, e non disse nemmeno una parola,l'foco 'ntol camino
 

I miei pregi

due milioni, l'insofferenza.libertario e libertino. viziato e vizioso
 

I miei difetti

un milione. Dopo una vita calma e paziente stò diventando insofferente...
 
 
 
E' QUEL CHE E'
di 
ERICH FRIED
E' assurdo
dice la ragione
E' quel che è
dice l'amore
E' infelicità
dice il calcolo
Non è altro che dolore
dice la paura
E' vano
dice il giudizio
E' quel che è
dice l'amore
E' ridicolo
dice l'orgoglio
E' avventato
dice la prudenza
E' impossibile
dice l'esperienza
E' quel che è
dice l'amore