Foto di cathy63
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 

Contatore



 
 

who's

page counter 

Pagina protetti da copia contro i contenuti del sito web di infrazione da Copyscape

Inserisci il mini banner di BlogItalia.it sul tuo blog

 
Sesso: F
Età: 56
Città: -------
Provincia: Napoli
Regione: Campania
Nazione: Italia

Mi descrivo

non credo sia necessaria una mia descrizione, arrivati a questo punto. Autrice ed attrice della mia vita, non importa infine, donna vuol essere e lascio che sia!
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

la Vita, la Natura e l'Amore 
la buona cucina 
le risate in compagnia 
 

Tre cose che odio

la falsità,la bugia, l'ipocrisia 
chiacchiere inutili ed il silenzio assordante 
umidità e nebbia...lo so sono più di tre....:) 
 

Dettagli

Lingue conosciute

Francese
Inglese

I miei interessi

cinema
cucina
leggere

Gli sport preferiti

sci
ciclismo
nuoto
 

Gen. musicale

rock
world fusion

Gen. cinematografico

commedia
miscellaneous

Letture preferite

romanzi brevi
narrativa
 

Mi piace la cucina

tradizionale
regionale italiana in generale

La vacanza OK

mare, sole e spiagge incontaminate!

La vacanza KO

campeggio
 

La meta dei miei sogni

Isole tropicali in generale
Spagna e Portogallo

Occupazione

impiegato/a
 

Il mio film preferito

Sono una cinefila. Quando posso corro al cinema.
 

Il mio libro preferito

Tutti quelli che ancora ho da leggere, e sono tanti!
 

I miei pregi

complicità,empatia saper ascoltare. I miei difetti... acqua di mare
 

I miei difetti

talvolta silenziosa, talvolta logorroica. I miei pregi... acqua di mare
 

Questione di inquadrature.

Questione di inquadrature.
La commedia è la vita in campo lungo e la tragedia la vita in primo piano. Se inquadri da lontano un uomo che cammina per strada e scivola su una buccia di banana, è divertente. Ma se ti avvicini, non è più divertente perchè si vede il dolore...
Per comprendere la mia vita e quella altrui mi sforzo di osservare sempre attraverso la doppia inquadratura... Così quando prendi qualcosa troppo sul serio riesci magari anche a riderne e a conservare il buon umore... E invece quando prendi qualcosa troppo poco sul serio scopri che devi fermarti e comprenderla...
 

La Bambola di porcellana

... In un altro luogo, c'è una bambola dal viso di porcellana adagiata su di un grande letto a due piazze... quel letto è però di una sola persona, che tante volte si arrotola nella lenzuola e tante altre vi si rannicchia piccina piccina. La bambola ha una veste di velluto, antica, un cappello a falda larga, damina di altri tempi, e lo sguardo da bambina paziente, vecchia per la sua età... ma vecchia lo è per il tempo strascorso sul quel letto a guardare lei, quella donna, ad ascoltare i suoi rumorosi e travagliati pensieri ... a volte si sente sola, la piccola Dolly, in compagnia di un solo cuscino che le ricorda un campo fiorito e cerca di ricordare il profumo dei fiori, il colore delle ali di una farfalla, il ronzare di un'ape che impollina quei fiori... spera un giorno di uscire da quella stanza, regno di silenzi e di malinconie e, come una novella pinocchio, di ricevere in dono, al posto della fiaba che non le viene raccontata più, un vestito di carne e pelle, morbido e caldo, un sorriso da regalare e parole da raccontare. E così potere finalmente sfiorare, con le sue manine rosee, protese ma non più rigide e fredde, il volto dormiente della donna che ora, con pesante indifferenza verso di lei, giace in un sonno senza sogni. Solo così Dolly, la bambola di porcellana, saprà ricordare alla donna la bambina che non è mai stata, che non è più... e farla riconciliare con se stessa.

(C.C.)

 

Semplice e complicata me...

Una notte, pensieri che scorrono nella mente...
rivivo immagini, sensazioni,
azioni  vissute tempo addietro,
ma che ancora mi appartengono.
Sono alla finestra di quella
che era la mia camera da ragazza,
in casa dei miei genitori.
Come allora, a notte inoltrata,
mi affaccio per fumare la mia sigaretta notturna,
quella da sempre più amata, più desiderata.
Una fitta pioggerella sottile ed abbondante
bagna il paesaggio della mia adolescenza,
della mia giovinezza, quello che ho visto,
vissuto, ma non sempre amato.
Tutto cambia e tutto resta uguale....
fumo e penso.....
pensieri che si rincorrono
simili e differenti ad allora,
poi svaniscono... ero tormentata, allora, 
ed oggi lo sono un pò meno,
sono più consapevole di me,
ora guardo davanti a me la Vita che mi attende.
Aspiro dalla sigaretta voluttuoso fumo
che poi si confonde al denso mio respirare.
E' freddo ed umido fuori di qui...
ma non nel mio cuore.

(C.C.)

 

Un Ricordo di Te

Il sapore di te sulle labbra turgide e gonfie
per averti assaporato, mangiato quasi,
umide di saliva dolce, vischiosa,
non più tua, non più mia....
Ricordo di te....
baciami e baciami ancora,
come solo tu sai baciare le mie labbra ...
rendimi unica in un fremito di passione
che nulla ode, niente considera....
intreccia le dita nei lunghi capelli
che ti sfiorano il volto mentre mi baci,
tentacoli che ci imbrigliano....
accogli me in questo abbraccio
di gambe, braccia, lingue,
io ti farò entrare nel mondo del desiderio
mai espresso,
mai veramente soddisfatto....
umido antro di passione, di voglie....
entra e resta quì, esplora muovendoti
per cercare, trovando la pienezza
del tuo essere uomo....
raccogli e fà tuo questo respiro,
respirando vivo in te...
vorrei ancora, ancora fame di quel turgore
che tu sai rendere succo di vita....

(C.C.)

 

Donna vuol essere

Donna vuoi essere, tu, ragazza
che ancora alberghi nel mio cuore!
Ma esser donna è una conquista
che si opera ogni giorno,
che passa tra le mani
come terra da sgretolare,
come ogni sospiro che sfugge
a quelli trattenuti.
Donna, non ci si chiama così,
Donna.

Donna soffre per Amore e paga per Amore,
si sacrifica per Amore ma felice
quando Amore la chiama a sé
per farne la sua Regina.....
quando vittima diventi, tu, donna lo sei ancor di più....
e Madre, oh! Madre..tu Donna e Madre
...fantastico connubio!
I miei sospiri, i miei respiri,
le ansie ed i gemiti trattenuti,
le giornate vuote d'amore e quelle dense di vita...
tutto del mio essere donna è dedicato a te, mia creatura.
Ogni cosa, ogni scelta alla fine filtra attraverso te....
ed ogni sacrificio per te ha un senso....
io ho scelto di averti,

tu scegli e pretendi me ogni giorno
ogni momento della tua giovane esistenza....
ed io ci sono, figlio mio.
Il mio senso di essere donna oggi, sei tu....
anche se il cuore vola....
ma sei tu che mi tieni ben ferma a terra!
io un giorno ho scelto
ed è stato lui, il mio bambino a rendermi Donna

(C.C.)