Shihem

Sesso: F - Età: 19
Città: Torino - Provincia: Torino
Regione: Piemonte - Nazione: Italia

 
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 

Contatore



 

                                                                   

 

Mi descrivo

Mezza e mezza. Origini arabe da parte di mamma e papà italiano. Alt circa 1,70 e magra magra anche se mangio come un lupo. Faccio il possibile per rispondere a tutti ma non scrivetemi solo "ciao". Ah... dimenticavo: a volte uso il tasto esplora. Fatevene una ragione. Grazie!
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

Passeggiare in bicicletta 
Il mio gatto 
La cucina italiana 
 

Tre cose che odio

La politica 
Chi maltratta le donne 
I narcisi. 
 

Dettagli

Lingue conosciute

Arabo
Inglese

I miei interessi

sport(praticato)
musica(ascoltare)
leggere

Gli sport preferiti

pallanuoto
sci
jogging
 

Gen. musicale

rock
pop

Gen. cinematografico

azione e avventura
gialli

Letture preferite

gialli
thriller
 

Mi piace la cucina

regionale italiana in generale
araba e mediorientale

La vacanza OK

mare, sole e spiagge incontaminate!

La vacanza KO

tour organizzato
 

La meta dei miei sogni

Australia e Nuova Zelanda
Irlanda e Scozia

Occupazione

studente

Stato civile

fidanzato/a
 

Il mio film preferito

August Rush - La musica nel cuore
 

Il mio libro preferito

Un castello di inganni (Elizabeth George)
 

I miei pregi

Non c'è la domanda di riserva?
 

I miei difetti

Idem come sopra.
 
 
« Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per la razza umana ci sia ancora speranza. »
(Herbert George Wells)
 

Lo so. Lo so.
 Sono limitati, hanno diverse
 esigenze e
 preoccupazioni

ma io li guardo e apprendo.
 Mi piace il poco che sanno
 che in fin dei conti
 è molto.

Si lamentano ma
 non si angustiano,
 avanzano con sorprendente dignità.
 dormono con una tale semplicità
 che agli umani sfugge.

I loro occhi sono
 più belli dei nostri
 e possono dormire per venti ore
 al giorno
 senza esitazione o
 rimorso.

Quando mi sento
 abbattuto
 devo solo guardare
 i miei gatti
 e mi torna il coraggio.

Studio queste
 creature.

Sono i miei
maestri.

(Charles Bukowski)