Fracesco07

 Sesso: M    Età: 54    Città: Roma    Prov: Roma    Reg: Lazio    Naz: Italia
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 

Contatore



 

Mi descrivo

cercasi solo nuove amicizie liberi di credere quello che volete un saluto e grazie per la visita chi vuole mi scriva
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

L' AMICIZIA 
LA MIA FAMIGLIA 
VIAGGIARE DI NOTTE 
 

Tre cose che odio

NIENTE IN PARTICOLARE 
LE PERSONE FINTE 
CAOS E MATERIALISMO 
 

Dettagli

Lingue conosciute

non definito

I miei interessi

sport(in_tv)
musica(ascoltare)
computer

Gli sport preferiti

automobilismo
calcio_e_calcetto
motociclismo
 

Gen. musicale

non definito

Gen. cinematografico

azione e avventura
documentario

Letture preferite

non definito
 

Mi piace la cucina

regionale italiana in generale

La vacanza OK

montagna

La vacanza KO

tour organizzato
 

La meta dei miei sogni

Australia e Nuova Zelanda

Occupazione

operaio/a

Stato civile

non definito
 

I miei pregi

quasi nessuno
 

I miei difetti

quasi tutti
 
 

PHOTO


 

Ultime visite

 
 
 
 
 
 
 
 
 

L'indovina de le carte1

Pe' fa' le carte quanto t'ho da dà? - Cinque lire. - Ecco qui; bada però che m'haio da di' la pura verità... - Nun dubbitate che ve la dirò. Voi ciavete un amico che ve vô imbrojà ne l'affari. - Nun pô sta2 perché l'affari adesso nu' li fo. - Vostra moje v'inganna. - Ma va' là! So' vedevo dar tempo der cuccù!3 - V'arimmojate. - E levete de qui! Ce so' cascato e nun ce casco più! - Vedo sur fante un certo nun so che... Ve so' state arubbate... - Oh questo sì: le cinque lire che t'ho dato a te. 1) La cartomante. 2) Non può essere vero. 3) Da tempo immemorabile.
 

NINNA NANNA DE LA GUERRA

LA NINNA NANNA DE LA GUERRA (1914) Ninna nanna, nanna ninna, er pupetto vò la zinna: dormi, dormi, cocco bello, sennò chiamo Farfarello Farfarello e Gujermone che se mette a pecorone, Gujermone e Ceccopeppe che se regge co le zeppe, co le zeppe d'un impero mezzo giallo e mezzo nero. Ninna nanna, pija sonno ché se dormi nun vedrai tante infamie e tanti guai che succedeno ner monno fra le spade e li fucili de li popoli civili Ninna nanna, tu nun senti li sospiri e li lamenti de la gente che se scanna per un matto che commanna; che se scanna e che s'ammazza a vantaggio de la razza o a vantaggio d'una fede per un Dio che nun se vede, ma che serve da riparo ar Sovrano macellaro. Chè quer covo d'assassini che c'insanguina la terra sa benone che la guerra è un gran giro de quatrini che prepara le risorse pe li ladri de le Borse. Fa la ninna, cocco bello, finchè dura sto macello: fa la ninna, chè domani rivedremo li sovrani che se scambieno la stima boni amichi come prima. So cuggini e fra parenti nun se fanno comprimenti: torneranno più cordiali li rapporti personali. E riuniti fra de loro senza l'ombra d'un rimorso, ce faranno un ber discorso su la Pace e sul Lavoro pe quer popolo cojone risparmiato dar cannone!
 

FRA CENT'ANNI

Fra cent'anni
 
Da qui a cent'anni, quanno
ritroveranno ner zappà la terra
li resti de li poveri sordati
morti ammazzati in guerra,
pensate un po' che montarozzo d'ossa,
che fricandò de teschi
scapperà fòra da la terra smossa!
Saranno eroi tedeschi,
francesci, russi, ingresi,
de tutti li paesi.
O gialla o rossa o nera,
ognuno avrà difesa una bandiera;
qualunque sia la patria, o brutta o bella,
sarà morto per quella.
 
Ma lì sotto, però, diventeranno
tutti compagni, senza
nessuna diferenza.
Nell'occhio vôto e fonno
nun ce sarà né l'odio né l'amore
pe' le cose der monno.
Ne la bocca scarnita
nun resterà che l'urtima risata
a la minchionatura de la vita.
E diranno fra loro: - Solo adesso
ciavemo per lo meno la speranza
de godesse la pace e l'uguajanza
che cianno predicato tanto spesso!
 
31 gennaio 1915
 

G.G. Belli 22 giugno 1834

Un ber gusto romano

Tutta la nostra gran zodisfazzione
de noantri quann’èrimo regazzi
era a le case nove e a li palazzi
de sporcajje li muri cor carbone.

Cqua ddiseggnàmio o zziffere o ppupazzi,
o er nodo de Cordiano e Ssalamone:
llà nnummeri e ggiucate d’astrazzione,
o pparolacce, o ffiche uperte e ccazzi.

Oppuro co un bastone, o un zasso, o un chiodo,
fàmio a l’arricciatura quarche sseggno,
fonno in maggnèra c’arrivassi ar zodo.

Quelle sò bbell’età, pper dio de leggno!
Sibbè cc’adesso puro me la godo,
e ssi cc’è mmuro bbianco io je lo sfreggno.


 

Links preferiti

-
 

L'AGNELLO INFURBITO

Un lupo che beveva in un ruscello
vidde, dall' antra parte de la riva,
l' immancabbile Agnello.
-Perché nun venghi qui? - je chiese er Lupo -
L'acqua, in quer punto, é torbida e cattiva
e un porco ce fa spesso er semicupio.
Da me, che nun ce bazzica er bestiame,
er ruscelletto è limpido e pulito... -
L' Agnello disse: - Accetterò l' invito
quanno avrò sete e tu nun avrai fame.
 

La sincerità ne li comizzi

Er deputato, a dilla fra de noi, ar comizzio ciagnede contro voja, tanto ch'a me me disse: - Oh Dio che noja!-, Me lo disse: è verissimo, ma poi sai come principiò? Dice: -È con gioja che vengo, o cittadini in mezzo a voi, per onorà li martiri e l'eroi, vittime der pontefice e der boja!- E, lì, rimise fòra l'ideali, li schiavi, li tiranni, le catene, li re, li preti, l'anticlericali... Eppoi parlò de li principî sui: e allora pianse: pianse così bene che quasi ce rideva puro lui!
 

Er Salice Piangente

Che fatica sprecata ch'è la tua! - diceva er Fiume a un Salice Piangente che se piagneva l'animaccia sua - Perchè te struggi a ricordà un passato se tutto quer che fu nun è più gnente? Perfino li rimpianti più sinceri finisce che te sciupeno er cervello per quello che desideri e che speri. Più ch'a le cose che so' state ieri pensa a domani e cerca che sia bello! Er Salice fiottò: - P è parte mia nun ciò né desideri né speranze: io so' l'ombrello de le rimambranze sotto una pioggia de malinconia: e, rassegnato, aspetto un'alluvione che in un tramonto me se porti via co' tutti li ricordi a pennolone.
 

L'onestà de mi' nonna

L'onestà de mi' nonna Quanno che nonna mia pijò marito nun fece mica come tante e tante che doppo un po' se troveno l'amante... Lei, in cinquant'anni, nu' l'ha mai tradito! Dice che un giorno un vecchio impreciuttito che je voleva fa' lo spasimante je disse: - V'arigalo 'sto brillante se venite a pijavvelo in un sito. - Un'antra, ar posto suo, come succede, j'avrebbe detto subbito: - So' pronta. Ma nonna, ch'era onesta, nun ciagnede; anzi je disse: - Stattene lontano... - Tanto ch'adesso, quanno l'aricconta, ancora ce se mozzica le mano!
 

La tartaruga.

Mentre una notte se n'annava a spasso,
la vecchia tartaruga fece er passo più lungo
de la gamba e cascò giù
cò la casa vortata sottoinsù.
Un rospo je strillò: "Scema che sei!
Queste sò scappatelle che costeno la pelle...
_ lo sò rispose lei_ ma prima de morì,
vedo le stelle.