DJnight

 Sesso: M    Età: 48    Città: Milano    Prov: Milano    Reg: Lombardia    Naz: Italia
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 

MI TROVI ADDIRITTURA ANCHE...

Quando l'incertezza è più di un bivio...

 

Intrappolati in un Universo Virtuale...

 

Ricordi d'Amore!

 

Mi descrivo

Sono istintivo: raramente quello che sento a pelle mi porta a sbagliare. Non sono mai stato un tipo chiuso nelle sue idee ed ascolto molto le persone cercando e riuscendoci, se mi viene data l'occasione, di instaurare una delle cose più belle che esistono: un rapporto di fiducia. L'Amore? E' una cosa per la quale vivere e per la quale puoi sentirti morire! Difficile da trovare, non gestibile da solo: è l'arcobaleno di un cuore che si rasserena. Evitare le tempeste sempre, in ogni occasione!
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

Amore sincero con tutta la sua intrinseca passione 
Sincerita' dal cuore: troppo rara da trovare 
Fare l'amore: è la coccola più bella che esista! 
 

Tre cose che odio

Ipocrisia (essere preso in giro) 
Ipocrisia (ricambiare chi mi prende in giro) 
Essere trascurato da chi conta, io non lo faccio 
 

Dettagli

Lingue conosciute

Inglese
Francese

I miei interessi

computer
cinema
musica(ascoltare)

Gli sport preferiti

nuoto
calcio_e_calcetto
sub
 

Gen. musicale

pop
underground

Gen. cinematografico

fantascienza
horror

Letture preferite

classici
saggistica
 

Mi piace la cucina

pugliese
tradizionale

La vacanza OK

mare, sole e spiagge incontaminate!

La vacanza KO

autostop
 

La meta dei miei sogni

Caraibi
Stati Uniti

Occupazione

professionista

Stato civile

libero/a
 

Il mio film preferito

A Beautiful Mind
 

I miei pregi

sincero, affidabile, schietto, preciso ed ordinato
 

I miei difetti

diffidenza, non tollero la falsità, preciso ed ordinato
 
 

PHOTO


 

Ultime visite

Carpe Diem

 
 

My eyes only for you

 

...IN CUI BISOGNA IMPROVVISARSI HACKER X USCIRNE

 

Adagio di Lara Fabian

Non so dove trovarti
Non so come cercarti
Ma sento una voce che
Nel vento parla di te
Quest'anima senza cuore
Aspetta te
Adagio
Le notti senza pelle
I sogni senza stelle
Immagini del tuo viso
Che passano all' improvviso
Mi fanno sperare ancora
Che ti troverò
Adagio
Chiudo gli occhi e vedo te
Trovo il cammino che
Mi porta via
Dall'agonia
Sento battere in me
Questa musica che
Ho inventato per te
Se sai come trovarmi
Se sai dove cercarmi
Abbracciami con la mente
Il sole mi sembra spento
Accendi il tuo nome in cielo
Dimmi che ci sei
Quello che vorrei
Vivere in te
Il sole mi sembra spento
Abbracciami con la mente
Smarrita senza di te
Dimmi chi sei e ci crederò
Musica sei
Adagio

 

Shine on you crazy diamond - Pink Floyd

Pink Floyd

Shine On You Crazy Diamond
(parts I-v)

Remember when you were young,
you shone like the sun.
Shine on you crazy diamond.
Now there's a look in your eyes,
like black holes in the sky.
Shine on you crazy diamond.
You were caught on the cross fire
of childhood and stardom,
blown on the steel breeze.
Come on you target for faraway laughter,
come on you stranger,
you legend,
you martyr,
and shine!

You reached for the secret too soon,
you cried for the moon.
Shine on you crazy diamond
Threatened by shadows at night,
and exposed in the light.
Shine on you crazy diamond.
Well
you wore out your welcome
with random precision,
rode on the steel breeze.
Come on you raver,
you seer of visions,
come on you painter,
you piper,
you prisoner,
and shine!

 

Shine on you crazy diamond - Pink Floyd - Trad.

Pink Floyd

Splendi Diamante Pazzo
(parts I-v)

Ricordi quando eri giovane,
splendevi come il sole.
Splendi diamante pazzo.
Ora c’è un’espressione nei tuoi occhi
simile ad un buco nero nel cielo.
Splendi diamante pazzo.
Catturato nel fuoco incrociato
di infanzia e notorietà
Travolto della fama.
Vieni oggetto di risate lontane,
vieni sconosciuto,
leggenda,
martire,
e splendi!

Hai raggiunto il segreto troppo presto,
hai pianto per la luna.
Splendi diamante pazzo.
Minacciato dalle ombre durante la notte,
ed esposto alla luce.
Splendi diamante pazzo.
Bene,
hai esaurito il tuo benvenuto
con precisione casuale
Hai cavalcato la fama
Vieni farneticante,
visionario,
vieni pittore,
pifferaio,
prigioniero,
e splendi!

 

Le Vibrazioni - Vieni Da Me

Le distanze ci informano
che siamo fragili
E guardando le foto ti ricorderai
Quei giorni di quiete sapendo
che te ne andrai
E io, avendo paura,
non ti cercherò più
Più...

Vieni da me
Abbracciami e fammi sentire che
Sono solo mie piccole paure
Vieni da me
Per vivere ancora quei giorni
di incantevole poesia
E ridere... di questa poesia...

I veli trasformano intere identità ma
È guardando le stelle
che m’innamorerò
Di tutte le cose più belle
che ci son già
Ma che fanno paura perché
siamo fragili
Fragili...

Vieni da me
Abbracciami e fammi sentire che
Sono solo mie piccole paure
Vieni da me
Per vivere ancora quei giorni
di incantevole poesia
E ridere di questi giorni
Dove tutto ciò è stato solo pura
Poesia... e ridere...

Vieni da me
Abbracciami e fammi sentire che
Sono solo mie piccole paure
Vieni da me
Per vivere ancora quei giorni
di incantevole poesia
E ridere di questi giorni
Dove tutto ciò è stato solo pura poesia
Dove tutto ciò è stato solo pura
Poesia... e ridere... di questa poesia.

 

La ballata dell’amore cieco - Fabrizio De Andrè

Un uomo onesto,
un uomo probo,
tralalalalla tralallaleru
s'innamorò perdutamente
d'una che non lo amava niente.


Gli disse portami domani,
tralalalalla tralallaleru
gli disse portami domani
il cuore di tua madre per i miei cani.

Lui dalla madre andò e l'uccise,
tralalalalla tralallaleru
dal petto il cuore le strappò
e dal suo amore ritornò.

Non era il cuore,
non era il cuore,
tralalalalla tralallaleru
non le bastava quell'orrore,
voleva un'altra prova
del suo cieco amore.

Gli disse amor se mi vuoi bene,
tralalalalla tralallaleru
gli disse amor se mi vuoi bene,
tagliati dei polsi le quattro vene.

Le vene ai polsi lui si tagliò,
tralalalalla tralallaleru
e come il sangue ne sgorgò,
correndo come un pazzo da lei tornò.

Gli disse lei ridendo forte,
tralalalalla tralallaleru
gli disse lei ridendo forte,
l'ultima tua prova sarà la morte.

E mentre il sangue lento usciva,
e ormai cambiava il suo colore,
la vanità fredda gioiva,
un uomo s'era ucciso
per il suo amore.

Fuori soffiava dolce il vento
tralalalalla tralallaleru
ma lei fu presa da sgomento,
quando lo vide morir contento.
Morir contento e innamorato,
quando a lei niente era restato,
non il suo amore,
non il suo bene,
ma solo il sangue secco
delle sue vene.

 

MORIRE LENTAMENTE - Pablo Neruda

Lentamente muore
chi diventa schiavo dell'abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marcia,
chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.
Muore lentamente
chi evita una passione,
chi preferisce il nero su bianco
e i puntini sulle "i"
piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle
che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno
di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore
davanti all'errore e ai sentimenti.
Lentamente muore
chi non capovolge il tavolo,
chi è infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza
per l'incertezza per inseguire un sogno,
chi non si permette
almeno una volta nella vita
di fuggire ai consigli sensati.
Lentamente muore chi non viaggia,
chi non legge,
chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in se stesso.
Muore lentamente
chi distrugge l'amor proprio,
chi non si lascia aiutare;
chi passa i giorni a lamentarsi
della propria sfortuna o
della pioggia incessante.
Lentamente muore
chi abbandona un progetto
prima di iniziarlo,
chi non fa domande
sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde
quando gli chiedono
qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo
di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà
al raggiungimento
di una splendida felicità.