Brillante_Marrone

 Sesso: F    Età: 29    Città: Milano    Prov: Milano    Reg: Lombardia    Naz: Italia
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 

Mi descrivo

Coraggiosa :) Combatto da sempre stalker e bulli a testa alta, anche quando chi dovrebbe essere dalla nostra parte provi a farmela abbassare. Non uso altri profili, se vi contattano facendosi passare per me o per mia amica/aiutante sapete chi è...
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

Brillanti marroni 
che diano quel tocco malinconico... 
 
 

Tre cose che odio

 
 
 
 

Dettagli

Nessun dettaglio
 
 

PHOTO


 

Ultime visite

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Contatore



 
A tutte le donne, Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso sei un granello di colpa anche agli occhi di Dio malgrado le tue sante guerre per l’emancipazione. Spaccarono la tua bellezza e rimane uno scheletro d’amore che però grida ancora vendetta e soltanto tu riesci ancora a piangere, poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli, poi ti volti e non sai ancora dire e taci meravigliata e allora diventi grande come la terra e innalzi il tuo canto d’amore.

Alda Merini


 
Nessuno merita le tue lacrime, e chi le merita non te le farà mai versare.

Gabriel García Márquez


 
"Corpo di donna, bianche colline, cosce bianche, assomigli al mondo nel tuo gesto di abbandono. Il mio corpo di rude contadino ti scava e fa scaturire il figlio dal fondo della terra. Fui solo come un tunnel. Da me fuggivano gli uccelli e in me irrompeva la notte con la sua potente invasione. Per sopravvivere a me stesso ti forgiai come un’arma, come freccia al mio arco, come pietra per la mia fionda. Ma viene l’ora della vendetta, e ti amo. Corpo di pelle, di muschio, di latte avido e fermo. Ah le coppe del seno! Ah gli occhi d’assenza! Ah le rose del pube! Ah la tua voce lenta e triste! Corpo della mia donna, resterò nella tua grazia. Mia sete, mia ansia senza limite, mio cammino incerto! Rivoli oscuri dove la sete eterna rimane, e la fatica rimane, e il dolore infinito."

(Pablo Neruda)

 
IL CORAGGIO DELLE DONNE

"Sono coraggiose le donne, ci costa caro, ma bisogna ammetterlo. La fragilità? Solo uno stato culturale, più che un dato biologico. Sono forti e coraggiose, le donne. Quando scelgono la solitudine, rinunciando a un falso amore, smascherandone la superficialità. Sono coraggiose le donne, quando crescono i figli senza l'aiuto di nessuno, rivalutando l'ancestrale primato, quello di essere mamme. Hanno il coraggio di non chiedere a uomini che sono anche padri, la loro presenza, puntualmente assente. Uomini che rifuggono le proprie responsabilità, trincerandosi in comodi ruoli o paraventi infantili di adulti mai cresciuti. Sono forti e coraggiose, le donne, quando a discapito di tutto e di tutti scelgono i propri compagni; costruendo solide storie spendendo patrimoni sentimentali, contro la morale comune. Sono forti e coraggiose, le donne, quando sopportano, violenze di ogni tipo, per salvaguardare quello che resta di famiglie, che non son più tali Sono la speranza del mondo, le donne, in qualsiasi circostanza continuano a far nascere uomini, che poi le tradiranno. "

(Bruno Esposito)


 

PREGHIERA SUOR FRANCESCHINA

Preghiera di Suor Franceschina

Ti preghiamo, Signore, per le donne di tutto il mondo, bambine, adolescenti, giovani, adulte e anziane. Tu sei santo, Signore, e operi cose meravigliose: ti preghiamo affinché cessino le violenze fisiche e morali sui corpi, sulle menti e negli animi delle donne. Sono tante e troppe le donne che ogni giorno subiscono maltrattamenti, traffici, abusi, offese e umiliazioni. Tu sei mitezza, Signore, tu sei rifugio: dona alle donne la forza e l’audacia per riconoscere le proprie schiavitù e uscire dalle oppressioni. Dà a noi il coraggio di indignarci, per non nasconderci dietro l’indifferenza ma agire sempre e in ogni circostanza in loro difesa, protezione e sostegno. Tu sei bellezza, Signore, tu sei umiltà e pazienza: illumina il cammino di rinascita che milioni di donne stanno percorrendo fra mille difficoltà e pericoli su tutta la faccia della terra. Suscita in noi cuori generosi che possano davvero sostenerle con spirito di gentilezza, condivisione, concretezza, audacia e rispetto nei faticosi percorsi che attraversano. Tu sei la nostra speranza, Signore, tu sei fede e carità: purifica la memoria e le menti delle donne dalle torture subite, dalle umiliazioni e dalle sevizie a cui sono state costrette, perché possa nascere in ciascuna donna una nuova vita di libertà, verità e speranza. Signore, facci strumenti di carità per le donne vulnerabili, strumenti capaci di promuovere con audacia dignità e rispetto. Facci strumenti capaci di
promuovere una vita rinnovata oltre lo strazio del male.

.
 
"Dovrò paragonarti ad un giorno estivo? Tu sei più amabile e temperato: cari bocci scossi da vento eversivo e il nolo estivo presto è consumato. L’occhio del cielo è spesso troppo caldo e la sua faccia sovente s’oscura, e il Bello al Bello non è sempre saldo, per caso o per corso della natura. Ma la tua eterna Estate mai svanirà, né perderai la Bellezza ch’ora hai, né la Morte di averti si vanterà quando in questi versi eterni crescerai. Finché uomo respira o con occhio vedrà, fin lì vive Poesia che vita a te dà. "

(Sonetto 18, William Shakespeare)