Angel.of.Love.xxx

 Sesso: M    Età: 45    Città: City of Passion    Prov: Stato Estero    Reg: Stato Estero    Naz:
 

Area personale

- Login
 

Contattami

Messaggi Mail
 
Cupido
 

Mi trovi anche...

Chat  
 

Mi descrivo

"non esiste salvaguardia contro il senso naturale dell'attrazione
 

Amo & odio

Tre cose che mi piacciono

Stringerti fra le braccia,accarezzare la tua pelle 
Il tuo Respiro su di Me,il tuo Odore,il tuo Sapore 
Urlare insieme i nostri Nomi nel culmine.. 
 

Tre cose che odio

 
 
 
 

Dettagli

Nessun dettaglio
 
 

PHOTO


 

Ultime visite

Se la mia bocca cerca le tue labbra
rendimi il bacio alla follia
chè il respiro possa sublimar la passione
...fermati sul cuor mio per esistere
quando non avrai la forza del canto del mare
e quando i silenzi dei desideri giaceranno
sulle mie parole che sanno d’amor
per poter toccare il cielo e le stelle
...io t’accarezzerò pensando a te
stringendo il mio corpo alla tua pelle libera
per preparar delle anime l’incontro
...niente così può esser cancellato
se porterò con me i colori intensi...
i suoni...i profumi
il calore del tuo essere
solo così mi sentirò felice
...ciò che conta è l’immensità dell’amore

 

Squassa Eros
l'animo mio,
come il vento sui monti
che investe le querce

 

Immagino il tuo corpo su di me
com’erba gramigna che riveste ogni zolla
di terra sino a soffocarla,
così le tue mani, i tuoi baci,
senza controllo sulla mia pelle
d’inesauribile ansia di te;
immagino che dopo il dolce amplesso
tu abbia ancor voglia di baciarmi
come me da sentirmi un nocchiero
sulle curve dei tuoi seni
in una scia di baci lenti e infiniti ;
immagino che tu ti stringa a me
con i tuoi capelli odorosi sul mio cuore
che per l’emozione non calma i suoi destrieri
nell’immensa prateria d’amore;
questo immagino quando penso a te
a occhi chiusi ma sazi
della sintonia completa dei nostri aneliti
accampati su un lago di sogno tutto d’oro

 

 



 


 
 

Schiava mia, temimi. Amami. Schiava mia!
Sono con te il tramonto più ampio del cielo,
e in esso la mia anima spunta come una stella fredda
Quando da te si allontana i miei passi tornano a me.
La mia stessa frustata cade sulla mia vita
Sei ciò ch'è dentro di me ed è lontano
Fuggendo come un coro di nebbie inseguite.
Vicino a me, ma dove? Lontano, ciò ch'è lontano
e ciò che essendo lontano cammina sotto i miei piedi
L'eco della voce oltre il silenzio
E ciò che nella mia anima cresce come il muschio sulle rovine.


 
















 


Le tue mani mi toccano,

col sorriso d’una farfalla bianca
ma hanno il suono silenzioso del desiderio,
mi carezzano come goccia d’acqua
in un lento scivolare che ha il fragore di un’onda,
sulla mia pelle ho la sensazione
d’un petalo umido di viola
che versa rugiada a fiotti;
sì, le tue mani,
le tue mani
quando incontrano le mie
è un appiccicarsi
di respiri freddi d’amore
in un fuoco che ci consuma a baci

 
Il tuo corpo è un paesaggio di colline
illuminate dai tuoi occhi come gemme di desideri
e par che non finiscano mai
sotto quelle vesti fantastiche di bianco antico
e il percorrerle lascia sfuggir un suono
come un tocco d'una tremule corda d'arpa.
E par che sotto di loro ci sia ancor più luce
e si ascoltino vibrazioni di petali al vento,
suoni di un'anima che non nasconde il suo viso.
Come un diamante sei meravigliosamente trasparente,
lasci accarezzar le mie mani il corpo e l'anima
e a ogni tocco sono primule mosse
 

 
Il mio occhio si è fatto pittore e ha tracciato
la forma della tua bellezza sulla tavola del mio cuore.
Il mio corpo è la cornice in cui essa è tenuta,
e, fatta in prospettiva, essa è la migliore arte del pittore:
perché attraverso il pittore devi vedere la sua maestria,
per scoprire dove sia la tua fedele immagine dipinta,
che sempre pende nella bottega del mio petto,
nelle cui finestre si specchia il vetro dei tuoi occhi.
Ora vedi che bei servigi gli occhi hanno reso agli occhi:
i miei hanno ritratto la tua figura, e i tuoi per me
sono finestre sul mio petto, attraverso cui il sole
si diletta a sbirciare, per ammirare, là dentro, te.
Ma agli occhi manca l'abilità che dia grazia alla loro arte:
ritraggono solo ciò che vedono, non conoscono il cuore.
 


 
Bella,
come nella pietra fresca
della sorgente, l'acqua
apre un ampio arco di spuma,
così è il sorriso sul tuo volto,
bella.

Bella,
di fini mani e di piccoli piedi
come un cavallino d'argento,
che corre, fiore del mondo,
così ti vedo,
bella.

Bella,
con un nido di rame intrecciato
sulla testa, un nido color
di miele e di ombra
dove il mio cuore riposa e brucia,
bella.

Bella,
gli occhi non li contiene il tuo volto,
non li contiene la terra.
Ci sono paesi, fiumi
nei tuoi occhi,
c'è la mia patria nei tuoi occhi,
io vi cammino,
essi danno luce al mondo
dove io cammino,
bella.

Bella,
i tuoi seni sono come due pani
fatti di terra, grano e luna d'oro,
bella.

Bella,
la tua vita
l'ha scolpita il mio braccio come un fiume
che sia passato mille anni per il tuo dolce corpo,
bella.

Bella,
non esiste nulla come i tuoi fianchi;
forse la terra possiede
in qualche luogo nascosto
la forma ed il profumo del tuo corpo,
forse, in qualche luogo,
bella.

Bella, mia bella,
la tua voce, la tua pelle, le tue unghie,
bella, mia bella,
la tua essenza, la tua luce, la tua ombra,
bella,
tutto questo è mio, bella,
tutto questo è mio, mia,
quando cammini o riposi,
quando canti o dormi,
quando soffri o sogni,
sempre,
quando sei vicina o lontana,
sempre,
sei mia, mia bella,
sempre.